Politica

Servizi Sociali del Comune: l’Udc Ibba alza il tiro sul Carroccio

Flavio Ibba (Udc)

Flavio Ibba (Udc)

Acque ancora agitate sulla questione-Servizi Sociali del Comune. Dopo le dimissioni dei commissari, di tutti, compresi quelli Pdl e Udc, in segno di protesta contro il presidente lumbard Emanuele Monti, accusato di non convocare la commissione da 10 giorni, ieri il Carroccio è sceso in campo in difesa di Monti, anche candidato a succedere all’assessore Binelli sulla poltrona di segretario cittadino della Lega Nord. Difesa d’ufficio del presidente della Commissione e rilancio della sua candidatura a presidente. Non solo: dal vertice del Carroccio sono partite accuse gravi ai commissari di maggioranza dimissionari: “abbaglio” per tutti e tre, “poca esperienza politica” per Flavio Ibba (Udc) e Angelo Motta (Pdl), addirittura “svarione” per Antonio Lo Giudice Cappelli (Pdl).

Toni forti e decisi, quelli dei lumbard. Ma il consigliere comunale Udc Flavio Ibba non ci sta a fare da bersaglio e rimanda ai mittenti le pesanti accuse. “Semmai il giovane inesperto è lo stesso Monti – rilancia Ibba -, che non ha saputo gestire la Commissione Servizi Sociali del Comune”. Una vicenda, continua l’esponente dell’Udc accusando i lumbard partners di maggioranza, “in cui è emersa la poca acutezza politica, oltre che di Monti, anche di chi lo vuole numero uno della segreteria cittadina”. Come finirà lo scontro? Ibba propone la sua soluzione. “La Lega ha diritto a presiedere nuovamente la Commissione solo se sarà capace di presentare un proprio esponente – conclude Ibba – che sia in grado di far svolgere i lavori della Commissione, fermi da mesi grazie a Monti e al suo partito, la Lega Nord”.

10 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi