Economia

L’Univa e banca San Paolo a sostegno della Gemelli Spa e del suo sogno americano

metalmeccaniciNasce nel Varesotto una operazione di partecipazione finanziaria a misura di piccola impresa realizzata grazie al coinvolgimento, più o meno diretto, di altre imprese che hanno creduto nell’operazione. Si può sintetizzare così il traguardo annunciato ieri che vede messa a punto al prima operazione da parte di Varese Investimenti, holding creata dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e da Intesa Sanpaolo con la mission di assumere partecipazioni di minoranza in piccole e medie imprese del Varesotto per condividerne e sostenerne i progetti di crescita e di sviluppo. L’iniziativa, nata due anni or sono, è giunta a maturazione con la prima operazione, tenuta a battesimo ieri ossia la partecipazione finanziaria da parte di Varese Investimenti nella Gemelli SpA, impresa di 25 addetti, presente sui principali mercati mondiali con i propri sistemi di comunicazione di bordo per aeromobili, con sede legale in Varese e unità produttiva a Canegrate. In poche parole la novità dell’operazione è rappresentata dal fatto che si mette in atto un modello di private equity, ossia di partecipazione finanziaria da parte di un investitore istituzionale, modellandolo però sulle esigenze delle piccole imprese che restano solitamente al di fuori di questo tipo di operazioni. A fare la differenza è il fatto che la partecipazione di Varese Investimenti SpA nelle imprese produttive è sempre di minoranza: e che gli investimenti privilegiano iniezioni di capitali volti a sostenere progetti di crescita a medio e lungo termine. Nel caso specifico della Gemelli l’iniziezione finanziaria mira a creare una presenza sul mercato statunitense attraverso l’acquisizione di una azienda del settore operante negli Stati Uniti. A caratterizzare l’iniziativa vi è anche l’aspetto “mutualistico” che si traduce in pratica con Varese Investimenti, essendo questa società a capitale misto e avendo tra i suoi soci altri imprenditori del territorio. “Quello che presentiamo oggi – ha detto il Presidente dell’Unione Industriali varesina, Michele Graglia – è il frutto di una iniziativa unica nel suo genere. E’ il primo esempio in assoluto di una società a partecipazione mista impresa-banca nella quale sono le imprese stesse ad avere la maggioranza nell’azionariato. Non solo, è anche la prima volta che nel sistema Confindustria si dà vita a un progetto come questo. Una holding voluta da una Associazione Industriali territoriale, i cui soci sono, insieme alla Associazione, le stesse imprese associate, in forma di public company”.

7 novembre 2009 Paola Provenzano p.provenzano@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi