Salute

Va avanti la lotta contro i tumori. Domani il punto all’Insubria

ospedale_repartoIn occasione della 5° Giornata Onco-Ematologica, domani, 6 novembre, a partire dalle ore 9.30, si svolgerà nell’Aula Magna di via Ravasi, presso l’Università dell’Insubria di Varese, il convegno “‘Targeted therapies’ nella pratica clinica”, un consesso di carattere internazionale per fare il punto sul tumore, sulle armi per combatterlo, sulle prospettive di ricerca e di cura.

Come dice la dottoressa Graziella Pinotti, direttore dell’U.O. di Oncologia medica dell’Ospedale di Circolo, e tra gli organizzatori del convegno, “in questa nostra 5° Giornata Oncoematologica che coinvolge tutte le strutture del Dipartimento Oncologico della provincia di Varese, vogliamo, con l’aiuto di esperti di fama nazionale ed internazionale, familiarizzare con alcuni concetti fondamentali sui processi metabolici di

cancerogenesi, fare il punto sui farmaci bersaglio oggi disponibili nella pratica clinica e dare uno sguardo sugli orizzonti che la ricerca ci schiuderà in un prossimo futuro”. Un convegno che parte da un elemento di speranza. “Negli ultimi decenni – rimarca la Pinotti – vi è stato un importante progresso nella diagnosi e nella cura dei tumori. Attualmente circa due terzi dei pazienti a cui è posta diagnosi di tumore vivrà almeno 5 anni dopo la diagnosi contro il solo 50% degli anni 70. Grazie alle nuove conoscenze ottenute dalla decodificazione del genoma ed alle nuove tecniche di biologia molecolare, oggi abbiamo la disponibilità di una grande quantità di informazioni sui processi di sviluppo del cancro”. Ormai si conoscono molte strade che imbocca la malattia e i ricercatori sono impegnati a studiare farmaci che sono in grado di bloccare queste strade, ma in maniera selettiva. E sono proprio queste terapie (le “targeted therapies” del titolo) ad essere al centro dell’attenzione del convegno di domani. Cure diverse dalle più tradizionali chemio e radioterapia.

“Obiettivo di questi farmaci è dunque quello di migliorare l’efficacia terapeutica antitumorale con un’azione specifica e meno tossica per i tessuti sani”, conclude la dottoressa Pinotti. Dopo l’introduzione di Graziella Pinotti, Claudio Verusio, e il rettore Renzo Dionigi, e i saluti del Direttore Generale A.O. Varese, Walter Bergamaschi, del Direttore Generale A.O. Busto Arsizio, Pietro Zoia, del Direttore Generale A.O. Gallarate, Armando Zozzini, il convegno passerà in rassegna ai vari tipi di carcinomi nel corso della mattinata, per approfondire, nel pomeriggio,le leucemie, i linfomi e i mielomi, con l’intervento dei massimi esperti a livello internazionale.

5 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi