Salute

Il teatro sostiene il Ponte del Sorriso

neonatoQuando la cultura e il divertimento possono sostenere un’iniziativa importante per la città. E’ il caso della scelta della stagione promossa dal Teatro Stabile d’Insubria di sostenere l’iniziativa del Ponte del Sorriso. La stagione teatrale, dunque, sostiene la realizzazione del polo materno-infantile di Varese, l’importante progetto promosso dal Comitato Tutela Bambino in Ospedale e dall’Azienda Ospedaliera “Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi”. E per farlo non a parole, ma con atti concreti, sostiene la realizzazione della nuova sala per il parto in acqua dell’Ospedale del Ponte.

Un “debutto alla vita” che vuole essere dolce ed accogliente nell’elemento più naturale per il nascituro: l’acqua. L’immersione in acqua permette infatti il rilassamento della muscolatura della mamma e la produzione di endorfine e ormoni, che agevolano le fasi del travaglio e del parto stesso. Per una nascita più serena per mamma e bambino. Il pubblico e gli amici del teatro di Varese avranno l‘opportunità di partecipare in prima persona all’allestimento della nuova sala parto attraverso delle donazioni che potranno lasciare direttamente al botteghino al momento dell’acquisto dei biglietti, in alcune serate di svolgimento degli spettacoli ai volontari del Ctbo presenti in sala, oppure nella cassettina adibita alla raccolta fondi esposta nel foyer del teatro.

Ma non solo. Il Teatro Stabile d’Insubria ha infatti presentato il progetto del Ponte del Sorriso alle diverse compagnie teatrali che, nel corso della stagione, saranno ospiti del palco varesino. E alcune di esse hanno già risposto con entusiasmo alla richiesta di partecipazione alla raccolta fondi, decidendo di devolvere parte dell’incasso dei loro spettacoli direttamente al futuro ospedale della mamma e del bambino.

Come sottolinea Emanuela Crivellaro, Presidente Comitato Tutela Bambino in Ospedale, “‘Debutto alla vita’ è un’iniziativa di raccolta fondi che riguarda uno degli aspetti più dolci dell’esistenza degli esseri umani: la nascita di un bambino. Senza questo evento, non esisterebbe l’umanità stessa. Il Ponte del Sorriso, garantendo alle mamme la possibilità di scegliere il parto in acqua, dimostra ancora una volta di voler essere un ospedale materno infantile nel quale l’umanizzazione è un valore fondamentale. Grazie al Teatro Stabile d’Insubria per aver deciso di contribuire a far crescere questo valore”.

4 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi