Varese

Provincia di Varese: scuole in Abruzzo tra record e mezzi-record

Da sinistra, Giorgetti e Galli

Da sinistra, Giorgetti e Galli

La Provincia di Varese si vanta, con legittimo orgoglio, di avere realizzato a tempo di record una scuola nel piccolo Comune abruzzese di Pizzoli (4000 abitanti). Una bella scuola elementare, prefabbricata, con tutti i comfort, materiali ecologici e rispettosi dell’ambiente, dotazioni tecnologiche all’avanguardia. “Cento giorni per realizzarla”, ripete più volte il presidente di Villa Recalcati, Dario Galli. E aggiunge: “Se tutti fossero come noi, che in così poco tempo abbiamo inaugurato una scuola, questo sarebbe un Paese diverso. Putroppo quando ci sono cose fatte bene, nessuno ne parla, non se ne occupano trasmissioni come “Porta a Porta” o “Matrix””.

Insomma, continua Galli, “bisognerebbe chiacchierare di meno e fare di più”. Gli fa eco l’assessore all’Ecologia, Luca Marsico: “Abbiamo seguito una modalità d’intervento veloce e premiante, e siamo riusciti a togliere i bambini da una situazione di disagio ad una condizione confortevole”. Insomma un vero record.

Ma se a Pizzoli prevale l’orgoglio, a Goriano (800 abitanti) si fa avanti la prudenza. In quest’altro Comune, assai più colpito dal sisma del precedente, la Provincia di Varese sta realizzando un asilo nido e una scuola materna, che dovrebbero essere inaugurati entro il prossimo dicembre. Le cose, però, non stanno andando come previsto: lentezze burocratiche, partenza al rallenti, la stessa azienda che monta il prefabbricato meno concentrata sul lavoro. “Non riusciremo a chiudere tutto in cento giorni”, dice un po’ sconsolato, Galli. Insomma, dopo il record di Pizzoli, a Goriano ci si dovrà accontentare. Al massimo si arriverà ad un mezzo record.

2 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi