Varese

Terremoto in Abruzzo, si mobilita la cooperazione. Quattro concerti alla Biumo e Belforte

Terremoto in Abruzzo

Terremoto in Abruzzo

La Cooperativa di Biumo Inferiore e Belforte di Varese, insieme a Legacoop Comitato territoriale di Varese e al Nucleo Mobile Pronto Intervento onlus di Varese, organizza quattro concerti in favore delle popolazioni dell’Abruzzo, presso la sede di viale Belforte 165. Un cartellone diversificato, che vede venerdì 30 ottobre, alle 21, Magic Sound-Rock & Blues anni ’70; venerdì 13 novembre, alle 21, Bandadaverio-Etnico contaminato; venerdì 27 novembre, alle 21, Magic Sound-Rock & Blues anni ’70; domenica 20 dicembre, alle 18.30, il coro “Fiocco di Neve”. Si tratta di un’iniziativa che punta a dare un concreto sostegno alle popolazioni dell’Abruzzo e dell’Aquila colpite dal terremoto. La cooperativa di Belforte aderisce al progetto nazionale di Legacoop e cerca di contribuire ai progetti solidali in corso. In sintesi i progetti di Legacoop si concentrano, prioritariamente, su l’Aquila, con una particolare attenzione alla rinascita culturale ed all’alta formazione. Tra gli interventi definiti, infatti, uno finanziato da Conad (500.000 €uro) riguarda la costruzione, in collaborazione con la Fondazione dell’Università, di laboratori biologici e biotecnologici per l’Università del capoluogo abruzzese; l’altro promosso dalla Cooperativa Archeologica di Firenze e finanziato da Legacoop (216.000 €uro), la realizzazione di una scuola cantiere presso l’Accademia di Belle Arti, per la formazione di figure professionali da impiegare nella messa in sicurezza e del restauro dei beni culturali danneggiati dal sisma. Sempre a L’Aquila, ha ripreso l’attività, in una nuova sede stabile, l’asilo “Rugatartaruga” dopo aver lavorato per tre mesi, con i bambini della tendopoli di Collemaggio, all’interno di una tensostruttura, allestita da Legacoopsociali. Infine, il progetto, proposto dalla cooperativa Tecnohabitat e dalla società a controllo cooperativo Greenergy, per la realizzazione, in un edificio recuperato da utilizzare in concessione, di un “contenitore” di servizi alla persona, per l’uso razionale dell’energia e la sostenibilità ambientale. Inoltre il Nucleo Mobile di Pronto Intervento, ospitato presso la cooperativa di Belforte, è intervenuto con propri volontari, fino ad ora, per 45 giorni a turnazione con l’impegno di 42 volontari nelle tendopoli di Secinaro, di Gagliano Aterno e il Campo soccorritori di Sulmona con compiti di gestione degli approvvigionamenti e cucine campali sui 3 campi subito l’evento del sisma, ed inoltre il servizio di oltre 5.000 pasti nella fase acuta dell’emergenza.

28 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi