Economia

Piccole imprese, contro la crisi sì all’innovazione. Storia di una macchina premiata dall’Ue

Foto di gruppo per Confapi

Foto di gruppo per Confapi

Investimenti in innovazione e ricerca come antidoto alla crisi: questa la ricetta scelta da una piccola  impresa meccanica del Varesotto grazie alla quale un progetto di ricerca targato Ue muove i suoi passi proprio dal Varesotto che diventa così culla di nuove idee. L’obiettivo degli “archimede” varesini è stato quella di arrivare a mettere a punto un tipo di macchinario in grado di valutare i propri errori geometrici e di compensarli, al fine di migliorare il processo di produzione. Con questa idea la Alesamonti Srl di Barasso, ha aderito al settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico ottenendo dalla Commissione Europea il finanziamento del progetto denominato “Sommact”. E per due giorni, nel Varesotto si sono messi a confronto i maggiori esperti europei di metrologia applicata alle macchine utensili. Un summit che ha avuto l’egida di Confapi Varese che spinge sull’acceleratore della ricerca. “Chiediamo che anche in Italia si adotti un criterio sensato, come quello europeo, per valutare adeguatamente l’innovazione – dice Franco Colombo, presidente di Confapi Varese – nelle piccole e medie industrie. Chi si mette in gioco e mantiene la produzione in Italia deve essere avvantaggiato”. Insomma l’innovazione può davvero diventare una marcia in più in un periodo di crisi? “Per la nostra azienda – dice Gianfranco Malagola, della Alesamonti Srl – si è aperta una sfida importante. Per la prima volta una pmi coordina un progetto europeo di vastissima portata. Il progetto è un’opportunità per combattere la crisi investendo in ricerca, sviluppo e innovazione”. La macchina al centro del progetto, inserita in un sistema intelligente di produzione, sarà capace di ricevere e gestire le informazioni sullo stato delle macchine che lo compongono e dei pezzi da esse prodotti, e potrà notevolmente migliorare la competitività dell’industria europea.

27 ottobre 2009 Paola Provenzano p.provenzano@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Piccole imprese, contro la crisi sì all’innovazione. Storia di una macchina premiata dall’Ue

  1. piero il 20 novembre 2009, ore 12:30

    Tutto molto bello e anche già fatto nel 2003 senza tanto clamore e senza nessun sussidio.
    E’ stata fatta anche una tesi di laurea su questo tema e sulla sua messa in pratica.
    Eccovi il link
    http://www.biblio.liuc.it/scripts/biblio/laureati/qx.asp?3452

  2. Renato OTTONE il 13 maggio 2010, ore 15:11

    Discordo parzialmente dal commento espresso da Piero il 20 novembre 2009.
    La tesi dell’ing. Volpi è molto interessante ma non è direttamente correlata al progetto SOMMACT. (http://www.sommact.eu)

    Il mio contatto: renato.ottone@isonorm.it

Rispondi