Cinema

Siani, giornalista ucciso dalla camorra

Siani ad un corteo

Siani ad un corteo

La rassegna “Un posto nel mondo”, organizzata da Filmstudio ’90 insieme ad un ricco cartello di associazioni e organizzazioni del terzo settore, affronta domani un tema di scottante attualità. Una prima puntata, che sarà seguita, giovedì 19 novembre, alle ore 21, presso il Cinema Teatro Nuovo di Varese, dal suggestivo spettacolo “A cento passi dal Duomo”, sulla presenza delle mafie nel ricco Nord, una proposta di Giulio Cavalli, scritta in collaborazione con il giornalista Gianni Barbacetto. Intanto, domani martedì 27 ottobre, a partire dalle ore 9, a Varese, sempre presso il Cinema Teatro Nuovo, la rassegna si propone di aprire una finestra sul ruolo che una libera informazione può svolgere nel contrasto quotidiano e fattivo delle mafie nel nostro Paese. Un tema molto presente nelle coraggiose prese di posizione dello scrittore Roberto Saviano, ma che domani sarà proposto agli studenti delle scuole superiori della città grazie ad una pellicola di forte impatto: “Fortapàsc” di Marco Risi (Italia, 2008, 106’). La pellicola in programma domani racconta la storia del giornalista Giancarlo Siani che, a 26 anni appena compiuti, fu ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985, sotto la sua casa nel quartiere residenziale del Vomero, a Napoli, colpevole solo di voler fare il suo mestiere con professionalità e rigore. Prima e dopo il film, è in programma un dibattito al quale parteciperanno un esponente di Libera ed Andrea Giacometti, direttore del quotidiano on line “Varesereport.it”.

26 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi