Economia

Mostra Artigianato Artistico, quando anche l’abitare è di qualità

Ville Ponti

Ville Ponti

Un calco che riproduce il crollo al suolo di una dimora preistorica e che è il frutto di un lavoro di ricerca fatto sull’isolino Virginia: è lui l’ospite d’onore della Mostra dell’Artigianato Artistico Varesino “i- stanze di creatività” che prevede un programma ricco anche di eventi collaterali, laboratori e visite. La quattro giorni che mette sotto i riflettori la “creatività made in Varese” legata dal filo conduttore dell’abitare è stata inaugurata ieri ed è frutto dello sforzo della Camera di Commercio di Varese  in collaborazione con Provincia, Comune e con le associazioni rappresentative dell’artigianato (Cna, Confertigianato e  Acai) e che vede, in virtù del tema trattato, anche la collaborazione quest’anno di Villa e Collezione Panza del Fai. Il tema scelto per l’edizone 2009 è stato reinventato e reinterpretato da ciascuno dei 78 artigiani presenti con la sua creatività e sensibilità per dare forma a oggetti affascinanti. Un esempio? Un lavabo la cui sinuosità riproduce la morbidezza dei lembi di una salvietta, e poi legni intagliati, stoffe, vetro, ceramica: ognuno ha dato forma a materiali differenti per trarne un’opera dettata dalla sensibilità di ciascuno. “L’artigianato artistico – ha detto all’inaugurazione il presidente della Camera di commercio di Varese, Bruno Amoroso – nella nostra provincia conta su circa mille e 300 attività imprenditoriali e attorno ad esso ruotano oltre 4 mila occupati”. Un comparto che, per numeri, non compete certo con quelli tradizionalmente forti nel Varesotto, ma che da qualche anno sta cercando una sua collocazione e una vocazione che dia merito al lavoro svolto: schiacciando l’occhio al design, ma anche alla ricerca sui materiali.

23 ottobre 2009 Paola Provenzano p.provenzano@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi