Economia

Crisi pesante e tanti i timori delle piccole imprese. Lo dice il rapporto della Cna di Varese

artigianiLa quinta rilevazione dell’anno sulla percezione della crisi effettuata dalla C.N.A. di Varese tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre conferma lo spessore e la durezza delle difficoltà che stanno affrontando le piccole imprese in Provincia di Varese. Dall’indagine infatti emerge che un’impresa su tre rileva un ulteriore peggioramento dei volumi di lavoro rispetto a prima delle ferie, mentre solo una su cinque ha registrato dei miglioramenti. Il dato peggiora in modo drastico, inoltre se il confronto lo si effettua avendo a riferimento lo stesso periodo dell’anno precedente, perché in questo raffronto oltre due imprese su tre lamentano diminuzioni della loro attività, che una su quattro ritiene sia crollata. Solo il 10% segnala degli incrementi. “Alle imprese è stato anche chiesto quali ritengano possano essere gli eventi negativi da temersi in un prossimo futuro, e le risposte pervenute delineano timori per un ulteriore calo del lavoro e per gli effetti di natura finanziaria ed economica che potrebbe derivare da insolvenze di clienti e committenti. E’ significativo che il pericolo meno avvertito possa essere l’aggravio delle tasse – sottolinea il presidente Franco Orsi –. Tuttavia, a conferma di una propensione a fare impresa che supera lo scoramento di una fase tanto difficile, oltre tre imprenditori su quattro continuano a vedere il futuro con ottimismo, solo temperato dal realismo di chi conosce il rischio insito in questa attività”. “E’ un patrimonio importante su cui lavorare – prosegue Orsi – confermato per altro dalla concretezza con la quale il sistema delle imprese ha reagito e sta reagendo alla crisi, anche se quell’oltre 23 per cento di pessimisti evidenzia un leggero logoramento della positività rispetto al tempo che passa e che sembra allontanare il momento della ripresa”. L’ultima annotazione sull’indagine riguarda il numero di imprese che in Settembre hanno denunciato all’Albo artigiani di Varese di avere iniziato l’attività : sono in calo consistente (oltre il 20% in meno rispetto allo stesso periodo del 2008 ) e confermano una tendenza che, con la sola eccezione del mese di agosto, ha contraddistinto tutto l’andamento dell’anno: “E’ un dato di cui iniziare a preoccuparsi – conclude Franco Orsi – e che dovrebbe essere affrontato con concrete misure di sostegno alla neo imprenditorialità”.

17 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi