Varese

Il leghista più amato dalle opposizioni

Fabio Binelli

Fabio Binelli

Momenti di gloria, ieri sera, al Consiglio comunale di Varese, per Fabio Binelli, assessore leghista allo Sviluppo e pianificazione territoriale. In discussione c’era il Piano Casa elaborato dall’assessore, il quale ha ricevuto quasi più elogi dalle opposizioni che dalla sua stessa maggioranza. Insomma, abbiamo assistito alla nascita, per dirla con una battuta, di San Binelli da Varese. Con una situazione davvero paradossale: i consiglieri intervenuti dai banchi delle opposizioni davano atto all’assessore leghista di avere mitigato le misure più a maglie larghe che gli stessi leghisti (insieme agli alleati di governo) avevano approvato al Pirellone. Com’era la delibera in discussione a Palazzo Estense? “Un provvedimento ben fatto, sia pure con qualche limite” (Cacioppo, Pd). Positiva perché “ha saputo mitigare la legge regionale” (Zappoli- La Sinistra). Anche dai banchi della maggioranza sono arrivati gli applausi. Da Giampaolo (Pdl), da Ibba (Udc), da Ghiringhelli (Lega Nord). Al momento del voto, il Pd si è astenuto, mentre hanno votato contro Zappoli e Pitarresi (Comunisti italiani). Favorevole Nicoletti. Che giustamente si è domandato: “Perché un voto contrario dopo tanti elogi?”. E intanto l’assessore Binelli, che aveva fama di “duro e puro” nel Carroccio, incassava, con un sorriso maliziosetto, tanto successo, forse anche un po’ inatteso.

13 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi