Cinema

Al Miv corpi all’incanto, l’incanto dei corpi

Louise Brooks

Louise Brooks

Presso il Miv-Multisala Impero Varese, nella Sala Urano, dopo la pausa estiva ritornano i “Fuoriprogramma del Giovedì”, che hanno per titolo “Le muse inquietanti. L’icona della prostituta nel cinema”. Come spiega Maurizio Fantoni Minnella, direttore della Sala Urano al Miv, “nella storia del cinema, alcuni tra i più affascinanti personaggi femminili, a partire dalla bellissima Louise Brooks, ovvero la mitica Lulù del cinema muto tedesco,  interpretano il difficile ruolo di prostitute. L’immaginario erotico novecentesco deve a loro e, naturalmente, ad altre dive, molto della sua stessa ragion d’essere. Personaggi raccontati senza pregiudizi, alcuni dei quali davvero memorabili, che si riflettono in un cinema di destini femminili, spesso rigoroso, o se si vuole, un cinema di realtà più che di convenzione narrativa”. La rassegna dedicata al cinema di quando ancora non c‘erano le escort, parte giovedì  8 ottobre, con Candela Peña e Micaela Nevarez in “Princesas”, di Fernando Leon de Aranoa (Spagna, 2005), sarà poi la volta, giovedì  15 ottobre, la grande Isabelle Huppert, in “Silvia oltre il fiume”, di Olivier Dahan (Francia, 2002). Giovedì  5 novembre è la volta di Maria Pia Calzone in “Mater Natura”, di Massimo Andrei (Italia, 2005), mentre giovedì 12 novembre sarà protagonista Theresa Russell in  “Whore-Puttana”  di Ken Russell (Gran Bretagna, 1991). Farà seguito, giovedì  19 novembre, Anna Magnani protagonista dolente in “Mamma Roma” di Pier Paolo Pisolini (Italia, 1962). Chiude il film iperrealista-partenopeo di Aurelio Grimaldi, regista quanto mai discontinuo: giovedì 26 novembre, Ida Di Benedetto interpreterà “Le buttane”, di Aurelio Grimaldi (Italia, 1994).

6 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi