Volontariato

28 quadri sulla bioetica, mostra del Cav di Busto Arsizio per i suoi vent’anni di attività

centrovitaBuon compleanno Centro di aiuto alla vita. E che compleanno. La sezione di Busto Arsizio del sodalizio che si occupa da anni di sostenere attraverso iniziative concrete la centralità e il valore della vita sostenendo, tra gli altri, le ragazze madri e i loro figli e portando avanti la sua battaglia contro l’aborto, compie vent’anni. E per celebrarli a dovere e spiegare così lo scopo della sua multiforme attività ha deciso di allestire una mostra in programma fino al 18 ottobre a palazzo Mariani- Cicogna. Il titolo scelto per l’appuntamento è quantomai eloquente: “Un grande sì alla vita, dallo stupore all’accoglienza della vita; la dignità della persona umana fin dal suo concepimento”. Un titolo composito che ben riassume la filosofia alla base delle molteplici iniziative del Cav. L’esposizione è figlia dell’esperienza dei corsi di bioetica tenuti da Giovanni Rimoldi, docente di storia e filosofia al liceo scientifico Arturo Tosi di Busto Arsizio, ad alcune classi. “Con questa mostra – spiegano i vertici del Cav bustese – Rimoldi ha voluto offrire una risposta ad alcune delle tante domande di bioetica che i giovani, e non solo, si pongono sui grandi problemi della vita”. Alla mostra è stato accompagnato un libro catalogo intitolato appunto “Un grande sì alla vita, 28 quadri di bioetica”. Ventotto come, appunto, i quadri che vi si troveranno esposti, dai quali emergono piste di riflessione per tematiche di stringente attualità quali per esempio l’uso degli embrioni, il rapporto tra scienza e fede, il rispetto della persona fin dal suo concepimento, la fecondazione assistita e l’eugenetica. La mostra sarà aperta da martedì a sabato tra le 15 e le 19 e domenica tra le 10 e le 12 e tra le 16 e le 19.

27 settembre 2009 Cristiano Comelli redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi