Cultura

L’Addolorata di San Vittore spiegata ai varesini

home2_02Dopo un lungo e faticoso lavoro di restauro e recupero, è tornato a casa il gruppo ligneo “L’Addolorata di San Vittore”. Un ritorno che viene accompagnato da un evento che punta a valorizzare una scultura con una storia di intrecci con la città di Varese, circondata da una fama miracolosa e che è sempre stata fatta oggetto di una grande devozione da parte dei varesini. Sabato 26 settembre, alle ore 16, nella Basilica di San Vittore Martire a Varese, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, sarà presentato l’intervento realizzato sul gruppo ligneo della Madonna Addolorata. Un intervento di restauro sulla statua della Vergine sorretta dalle pie donne, che sarài illustrato da Isabella Marelli, funzionario responsabile di zona della Soprintendenza di Milano. La Marelli ripercorrerà le vicende storico-artistiche del gruppo ligneo policromo, proveniente dal Calvario ubicato nel coro della collegiata nella prima metà del XVI secolo. Nell’occasione saranno anche illustrati gli aspetti tecnico-conservativi del restauro, da poco ultimato, a cura della ditta Arkè di Baratelli e Brianzoni. Un’occasione per conoscere più da vicino un’immagine sacra molto varesina ed entrare nei particolari di un restauro lungo e difficile. Tutto questo fa parte di un evento promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per valorizzare la specificità dell’arte italiana nel panorama della comune cultura europea, e dalla Soprintendenza per i beni storici e artistici ed etnoantropologici di Milano.

23 settembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi