Cinema

Testori, Gatti e il pittore Sergio Battarola

Sergio Battarola

Sergio Battarola

Una pellicola “totale”, quella del giovane filmaker Francesco Gatti, scomparso tragicamente dopo averla girata. Non ha potuto terminare il montaggio del suo film “Il figlio di Amleto”, che ieri sera è stato presentato, in anteprima, alla rassegna Milano Film Festival, che non ci stanchiamo di ripetere coerente nella sua felice anomalia rispetto ad altre manifestazioni più ricche e più brutte. La pellicola che ha terminato di montare il produttore Giovanni Maderna, riguarda la vita del pittore Sergio Battarola, che alla fine degli anni Ottanta trovò in Giovanni Testori, scrittore e critico d’arte raffinato, un interlocutore sensibile ed attento. Un incontro che segnò l’artista per sempre, che impresse in Battarola quella che lo scrittore Luca Doninelli, presente al festival insieme a Battarola e Maderna, ha definito una lacerazione, una ferita, quella che apre all’ascolto degli altri, quella che fa apparire “disadattati” ai più. La piccola cinepresa di Gatti insegue il pittore nei momenti creativi, nei colloqui con gli amici e con la madre, in auto, alle mostre, negli improvvisi momenti di sconforto e nella malattia. E lungo i giorni, che si snodano lenti nella Bergamasca, entrano all’improvviso accecanti scintille testoriane. Immagini di interviste, di prove teatrali, di interventi al Meeting (così dolorosamente disperati, così terribilmente solitari). Una pellicola che sta tutta nella lunga sequenza in cui l’artista, con raschietti e colori, trasforma il proprio autoritratto nel viso patito dell’ultimo Testori. Ci auguriamo che questo Gatti postumo, fragile e bellissimo, possa vincere questa edizione del Milano Film Festival.

17 settembre 2009 Andrea Giacometti direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Testori, Gatti e il pittore Sergio Battarola

  1. patrizia il 14 ottobre 2010, ore 16:17

    L’ inquietudine nasce dall anima, la bellezza dal cuore. Belli i tuoi quadri, belli e inquietanti.

Rispondi