Varese

Riparte il Consiglio comunale. E su Villa Augusta è guerra aperta

Il presidente MorelloChiusa la pausa estiva, si rimette in moto il parlamentino di Varese. Un ordine del giorno che promette scintille, quello fissato per la seduta del Consiglio comunale di Varese di  domani sera alle ore 20.30 (nella foto il presidente Mauro Morello). Dopo le ultime sedute, che avevano rivelato frequenti fibrillazioni tra i banchi della maggioranza, ora si torna ad affrontare i problemi rimasti sul tavolo, anche se non sono ancora state varate quelle nomine ai vertici degli enti che sono state spesso la ragione di manovre e veti incrociati in maggioranza. Tra le questioni che restano tutte in salita c’è il parcheggio di Villa Augusta, un progetto da tempo nel mirino di un comitato battagliero, e sul quale le opposizioni promettono le barricate. Sì ad un parcheggio a Giubiano, ma non nelle viscere di Villa Augusta, dicono i consiglieri Pd Cacioppo e Nicora. “E’ uno dei sei parchi storici pubblici cittadini ed è tutelato con decreto ministeriale sin dal 1952 per il suo notevole valore paesistico, oltre che dall’attuale Prg che vi impedisce la costruzione di parcheggi”, dicono i due consiglieri richiamando lo scempio che si farebbe di preziosi esemplari di alberi e piante. E poi, più in generale, gli esponenti del Pd pensano che “il sottosuolo dei parchi non deve essere oggetto di interventi edilizi di alcun tipo”. Sarà il lungo dibattito su questo tema a fare slittare, ancora una volta, l’elezione del Difensore Civico, altro punto all’ordine del giorno? Alle ultime votazioni non c’era stato alcun voto compatto della maggioranza su un unico candidato. “Manca un accordo politico”, molti dicevano. Ma nel frattempo sembra essersi allargata la quantità di coloro che non ritengono necessaria questa figura, sia in maggioranza che all’opposizione.

16 settembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi