Saronno

Teatro Pasta, il cartellone dei 20 anni

Lella Costa

Lella Costa

Con un ricco cartellone di proposte, il Teatro Giuditta Pasta di Saronno festeggia i suoi vent’anni. Un teatro che si lascia alle spalle un passato di fibrillazioni al vertice, ma che, a considerare il cartellone, ha scelto di guardare avanti con coraggio. La stagione 2009-2010 che è stata presentata oggi dall’esperto Emanuele Banterle (direttore artistico) e da Sergio Giacometti (presidente), e che partirà il 20 novembre,  propone un percorso molto sfaccettato, dove coesistono spettacoli divertenti e opere più impegnative, e poi operetta, danza, cabaret e ancora altri eventi (tra tutti il grande Teo Teocoli, il 10 aprile). Diciamolo subito, quale titolo di merito per Saronno: qui si è mantenuta la rassegna “Altri percorsi” (il Pasta è, anzi, il capofila per la provincia di questo circuito), cioè proposte più di ricerca e innovative (spesso anche meno scontate), che sono migliorate nel tempo, ma che altre realtà, come Varese, hanno tagliato senza esitare. Il pubblico preferirà a Saronno Gianfranco D’Angelo o Lella Costa ad una Laura Curino o a Testori? Forse sì. Ma inserire in cartellone questo tipo di proposte svela quanto a Saronno tengano al fatto che questo palcoscenico, che pur gestito da una spa, mantiene forti rapporti con il Comune, continui a svolgere una preziosa funzione pubblica.  Ma veniamo al cartellone del Teatro Pasta: per la prosa si è scelto di puntare sulla commedia leggera, spesso supportata da personaggi televisivi. Si parte con “Amleto” con Alessandro Preziosi, ma poi calcheranno le scene attori come Maurizio Micheli e Tullio Solenghi, Luca Zingaretti (che si mette ala prova con Giuseppe Tomasi di Lampedusa), Gianfranco d’Angelo (campione d’incassi nella scorsa stagione), Corrado Tedeschi e il grande Carlo Giuffrè. Non mancherà neppure uno spazio dal titolo “Variety” (cioè, dicono al Pasta, “il divertimento intelligente”), dove segnaliamo le “Ragazze” di Lella Costa. E poi opera, operetta, danza (con i mitici Kataklò). Ci piace ricordare anche che per il terzo anno, ci sarà la rassegna “Senza tempo”, con un tris super: i CantaMilano, che si esibiscono sabato 19 settembre, i Legnanesi, dal 25 al 27 settembre, e gli intramontabili Cochi e Renato che tornano, a grande richiesta, il 15 ottobre. E poi, come si è detto, “Altri percorsi”, con uno spettacolo da applaudire subito: in programma c’è l’eccezionale Giovanni Testori di “Erodiade”, proposto dall’eccezionale Sandro Lombardi.

11 settembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi