Legnano

Una “Vigna” che a Legnano compie vent’anni. Con 150 copie mensili e un centinaio di abbonati

legnano_internoTutto nacque da un’idea precisa: creare un organo di comunicazione in grado di rivolgersi alla comunità parrocchiale, e segnatamente ai suoi giovani, con semplicità, raccontando loro il vissuto della chiesa e cercando di coinvolgerli come parte attiva in esso. Era il 1989. Da allora “La Vigna sul colle”, bollettino della parrocchia di San Pietro alla Canazza, che proprio quest’anno compie vent’anni di attività, non ha tradito la sua missione, ma anzi l’ha sempre ulteriormente sviluppata. Il pensiero della parrocchia corre a due persone che permisero il decollo di quest’intuizione azzeccata: la prima è don Felice Carnaghi, parroco dal 1984 al 1993, la seconda è Damiano Cavalleri, compianto animatore dell’attività parrocchiale che diede un impulso decisivo all’uscita del periodico. Le ragioni del sorgere di questo bollettino si possono rinvenire tutte nel suo numero d’origine. “Perchè questo nome- vi si legge – le ragioni sono tante, tutte si possono iscrivere nella nostra storia, innanzitutto la storia di questo luogo, siamo ai Colli di Sant’Erasmo e una volta questa costa della Valle Olona era ricoperta di vigne, la vigna sul colle appunto”. Ma la parrocchia richiama anche, nel ricordare la genesi del bollettino, il significato biblico della parola vigna consapevole del fatto che “noi siamo i tralci dell’unica vita che è il Cristo e la Chiesa è la vigna del Signore”. Insomma, un riferimento non solo geografico e storico, come tiene a precisare chi continua a portare lodevolmente avanti l’iniziativa, ma anche teologico e pensato nell’ottica di una comunità che “vive convocata nella fede in questo luogo”. E che la Vigna sul colle abbia fatto breccia lo provano due dati precisi: centocinquanta copie stampate mensilmente e un centinaio di abbonati fedeli. Insomma, una vigna rigogliosa che promette di dare buon frutto anche per il futuro a venire.

11 agosto 2009 - Cristiano Comelli - redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi