Gorla Maggiore

A Gorla Maggiore si ridisegna il territorio. Sul Pgt ancora possibili le osservazioni dei cittadini

gorla_maggioreRecupero delle aree industriali dismesse, riduzione del consumo di suolo, creazione di nuovi luoghi di aggregazione, trasferimento delle aziende in nuove aree industriali. Il piano per il governo del territorio voluto dall’amministrazione comunale di Gorla Maggiore retta dal sindaco Fabrizio Caprioli ha visto di recente il via libera del Consiglio comunale. Adesso si è ancora nella fase, che dura complessivamente 150 giorni, in cui un cittadino potrà formulare le sue osservazioni per consentire alla giunta di aggiustare il tiro su alcuni aspetti, poi il documento destinato a disegnare urbanisticamente la Gorla dell’immediato futuro potrà spiccare definitivamente il volo. Caprioli ha voluto puntualizzare attraverso un documento quelli che sono a suo avviso i punti più significativi del Pgt. “Tutti i cittadini di Gorla Maggiore – premette – per la prima volta avranno vantaggi da questo nuovo piano attraverso il meccanismo della perequazione; non ci saranno riduzioni di volumi, come falsamente ha detto qualcuno, e per le aree di nuova espansione sono previsti criteri di salvaguardia della qualità della vita degli insediamenti esistenti, cercando di distribuire l’utilizzo del volume a disposizione nel tempo”. Il nuovo panorama del costruito prevede una volumetria di 150 mila metri cubi spalmati nell’arco di dieci anni. Spiccano, tra le linee guida del nuovo strumento urbanistico, anche la salvaguardia delle aree boschive, con la creazione di nuove piste ciclabili e il recupero edilizio del centro storico.

9 agosto 2009 - Cristiano Comelli - redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi