Chiesa

Un angolo di Liguria in cui pregano monache ambrosiane

imperia2L’antico monastero di Porto Maurizio (Imperia) è sede di una comunità di suore di clausura, quasi tutte provenienti dalla diocesi di Milano. Attualmente in questo splendido angolo di Liguria vivono sette monache Clarisse, cioè seguaci di San Francesco e Santa Chiara, che testimoniano la preziosa vocazione ad una vita di clausura aperta ed accogliente. Le giornate delle monache sono in larga paret dedicate alla contemplazione e alla preghiera. Una preghiera capace di accogliere e di dialogare con la realtà, che supera gli spazi di una clausura materiale per accogliere a braccia aperte chiunque bussi alle antiche porte del monastero, preziosa testimonianza di arte cristiana, che grazie all’impegno delle suore viene da anni restaurata. L’età delle sorelle è compresa tra i 37 e i 95 anni, e tutte insieme, Maria Teresa, Maria Rosaria, Maria Eugenia, Maria Chiara, Maria Paola, Maria Cristina e la badessa Chiara Libera, danno vita ad una comunità che sa cogliere le differenze di ciascuna, trasformandola in ricchezza per tutti. “Pianticelle del Signore” che mettono radici in terra arida e la trasformano con pazienza, coraggio e determinazione, le Clarisse di Porto Maurizio danno vita ogni anno, in prossimità dell’11 agosto, giorno di Santa Chiara, ad una serie di momenti di preghiera e riflessione che puntano ad approfondire e apprezzare al meglio la ricca (ed attualissima) spiritualità francescana.

8 agosto 2009 - l.g. - redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Un angolo di Liguria in cui pregano monache ambrosiane

  1. remigio il 22 agosto 2009, ore 13:45

    bellissimo articolo lineare e sobrio bravo andrea

Rispondi