Cairate

A Cairate sportello per offrire ai genitori assistenza educativa. Si affianca al tavolo del Comune

famiglia_largeDesiderosi di indipendenza ma in fondo così fragili. Impazienti di correre incontro al futuro ma in fondo timorosi di quanto esso può riservare. Gli adolescenti del mondo globalizzato vivono in una persistente contraddizione a metà strada tra voglia di dominare il mondo e paura di esserne dominati. E i loro genitori, spesso, non dispongono delle risorse adeguate per intercettarne speranze e malesseri. Consapevole della necessità di dare alle famiglie un’assistenza sul piano educativo, la chiesa di Cairate ha varato l’iniziativa “Famiglia, non temere la solitudine”. Si tratta di uno sportello d’ascolto in cui i genitori alle prese con rapporti difficili con i loro figli potranno trovare una voce amica in grado di dare loro preziosi consigli, per meglio dire, riferimenti con cui annullare la distanza e tracciare un solido ponte con i loro eredi. L’iniziativa è partita da poco e, adesso, dopo la pausa agostana, riprenderà con rinnovato vigore. Nello spazio dell’ufficio parrocchiale di Bolladello di via Carducci in cui lo sportello ha sede, a ricevere i genitori bisognosi di consulenza sarà Patrizia Cucinato, mediatrice familiare che collabora con l’associazione Figli per sempre e lo studio Archè di Cassano Magnago. “Non è – precisano gli ideatori dell’iniziativa – uno sportello di consulenza psicologica, ma uno sportello gratuito di consulenza genitoriale , educativo e relazionale per le famiglie; si occupa di fornire suggerimenti pratici per inoltrarsi nel labirinto delle relazioni”. L’iniziativa va a fare il paio con un’altra proposta emersa dal comune, ovvero riunire intorno a uno stesso tavolo associazioni, parrocchie, comune stesso, forze dell”ordine e scuole per elaborare un gruppo congiunto per combattere il fenomeno del disagio giovanile presente sul territorio cairatese. Mai come in questo caso, l’unione che fa la forza può essere provvidenziale.

8 agosto 2009 Cristiano Comelli redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi