Università

Università dell’Insubria, premiata perchè tra le più virtuose

Renzo Dionigi

Renzo Dionigi

L’Università dell’Insubria è uno dei 27 Atenei italiani statali “virtuosi”: per questo riceverà dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 688.348 euro in più rispetto all’anno scorso – equivalenti a un incremento dell’1.36% del Fondo di Finanziamento Ordinario attualmente attribuito all’Università. Oggi è stato infatti presentato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Stella Gelmini – e approvato dal Consiglio dei Ministri – il “Pacchetto Università”.  Grazie alle novità introdotte, per la prima volta in Italia una parte dei Fondi destinati alle Università è stata distribuita dal Ministero sulla base di una valutazione della qualità degli Atenei: in particolare, il 7% del Fondo di Finanziamento Ordinario, equivalente a 525 milioni di euro, è stato assegnato in base alla qualità della ricerca e della didattica degli Atenei. Nello specifico, i due terzi del Fondo sono assegnati in base alla qualità della ricerca, un terzo in base alla qualità della didattica. Gli Atenei “promossi” con un aumento del Fondo di Finanziamento Ordinario sono 27, altrettanti i “bocciati”, che invece registreranno una diminuzione del Fondo. “Per l’Università dell’Insubria è un ottimo risultato – commenta il magnifico rettore, prof. Renzo Dionigi – siamo soddisfatti: è un riconoscimento per la qualità della nostra didattica e della nostra ricerca. È un cambiamento epocale per il sistema universitario italiano, che preannuncia la riforma tanto attesa: bisogna dare atto al Ministro Gelmini della sua determinazione nell’avere introdotto la prima volta in Italia una valutazione meritocratica degli atenei”. Ulteriore gratificazione per l’Ateneo insubrico: il Ministro Gelmini ha voluto congratularsi personalmente con il professor Dionigi per i risultati ottenuti, “ottima” è stata definita la performance dell’Università dell’Insubria dal titolare del Dicastero dell’Università.

25 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi