Volontariato

L’Europa della solidarietà c’è. Storie di ragazze impegnate nel Servizio Volontario Europeo

cesvov_interno2

Festa al Cesvov, come da tradizione, per l’imminente conclusione dell’esperienza dell’anno di  Servizio Volontario Europeo (SVE) da parte di tre ragazze, Natasha (Macedonia), Simona (Romania) e Sofia (Spagna). Un momento di abbracci e di gioia che ha offerto ai responsabili del Cesvov di Varese  l’opportunità di tracciare un breve bilancio di questa esperienza che si sta consolidando sempre di più. In cinque anni di SVE, i ragazzi coinvolti sono stati complessivamente 32, con 17 ragazzi inviati in Paesi stranieri e 14 ragazzi accolti sul nostro territorio provinciale. Un’esperienza, come ha raccontato Massimiliano Pavanello, responsabile dell’area Promozione del Cesvov (affiancato da un’ex volontaria, Cheei Mei Hoh, dal Belgio), “è partita nel 2004, con un po’ di incertezza su come impegnare i ragazzi e le ragazze che arrivavano a Varese. Col tempo questo servizio si è definito meglio e oggi i volontari sono coinvolti in progetti più precisi e mirati”. E così dalle prime volontarie, delle vere  pioniere dello SVE varesino, Katerina (Repubblica Ceca) e Karolina (Polonia), ora le ragazze sono numerose ed entusiaste, pronte a raccontare ognuna la bella esperienza che hanno vissuto negli ambiti di impegno più diversi, dai minori ai disabili, dalla promozione culturale alla tutela dell’ambiente.
cesvov_interno1

Come racconta Iza (Polonia), la ragazza che ha curato il libretto realizzato dal Cesvov in cui si possono leggere i resoconti delle esperienze fatti in prima persona dalle volontarie, “ci sono grandi differenze tra le ragazze, ma anche elementi comuni: tutte all’inizio hanno incontrato le difficoltà con la lingua, tutte alla fine si portano a casa un’esperienza soddisfacente”. In questi anni non è mancato, da parte del Cesvov, uno sforzo significativo nel diffondere e coinvolgere altre associazioni e altri enti del territorio in questa esperienza. Una pluralità di realtà che hanno saputo apprezzare generosità e impegno delle volontarie targate Varese.

22 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi