Gallarate

L’allunaggio rivive sulle note di Max De Aloe

home4_01Una serata in bilico fra grandi emozioni e romanticisimo da una parte, rievocazione storica e approfondimento sociale dall’altra: “Stregati dalla luna”, l’iniziativa organizzata per la serata del 20 luglio a palazzo Broletto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gallarate, in collaborazione col noto musicista Max De Aloe, promette una celebrazione del quarantesimo anniversario dell’allunaggio davvero speciale. “Il 20 luglio 1969 – dichiara l’assessore alla Cultura Isabella Peroni – è una data scritta nella storia. Lo sbarco sulla luna, una conquista scientifica e tecnologica, fermò il mondo, scatenando una serie di riflessioni inedite e riportando d’attualità i simboli che da sempre l’uomo ha trovato nel “suo” satellite. Vorremmo, dunque, tornare su tutto questo. Offriamo a chi visse le fasi dell’allunaggio l’opportunità di rivivere le emozioni dell’impresa, ma ci rivolgiamo anche a quanti, per ragioni anagrafiche, non furono immersi nel clima dell’estate ’69, affinché scoprano la portata di un evento epocale. Il tutto con la speranza che il cielo sia terso: lunedì la luna dovrebbe essere quasi piena e sarebbe bello poterla avere come ospite speciale”. La serata si giocherà fra documenti video, l’approfondimento storico assicurato dal direttore de “Il Domenicale”, Angelo Crespi, che intervisterà il professor Robertino Ghiringhelli (direttore dell’Istituto di Storia moderna e contemporanea e ordinario di Storia delle Dottrine Politiche nella facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), e il concerto di una formazione jazz capitanata da Max de Aloe (De Aloe all’armonica cromatica, Andrea Dulbecco al vibrafono, Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria). “Il gruppo che si esibirà nella corte di Palazzo Broletto – ha sottolineato quest’ultimo – è stato creato apposta per la serata del 20 luglio e si impegnerà in un repertorio  incentrato sulla luna e sulle suggestioni da questa ispirate. Il tutto per un concerto studiato per piacere a chiunque, dal cultore del jazz allo spettatore normalmente disinteressato alla musica. A rendere preziosa la serata, anche la presenza del noto fotografo di eventi jazzistici Roberto Cifarelli che proietterà in tempo reale su grande schermo le fotografie scattate sul momento ai musicisti e al pubblico, parte integrante dello spettacolo, oltre a suggestive immagini della luna”. La serata, a ingresso gratuito, avrà inizio col calare del buio, intorno alle 21.00. Il pubblico potrà accedere alla corte anche a programma iniziato. In caso di maltempo, trasferimento al Teatro del Popolo di via Palestro.

19 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi