Gallarate

L’aerospazio “made in Varese” presente all’Expo di Roma, grande vetrina internazionale del settore

aereoUn evento di portata internazionale che riunirà per tre giorni a Roma i principali operatori del settore aerospaziale e i fornitori di servizi per aerei. “Italy Airspace Expo” si svolgerà dal 4 al 6 febbraio 2010, una prestigiosa vetrina presentata dai suoi organizzatori alle imprese aeronautiche varesine presso la sede gallaratese dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese. Ennesima tappa di quel percorso intrapreso, ormai da un anno e mezzo, dall’associazione datoriale per valorizzare l’esistenza di fatto sul territorio lombardo di un vero e proprio “distretto produttivo”. Un’attività che è anche, e soprattutto, di promozione, di visibilità, e di informazione, come è avvenuto con la presentazione di quello che, il prossimo anno, rappresenterà uno dei più importanti eventi fieristici riguardanti il settore aerospaziale che si svolgerà in Italia. “Il nostro primo obiettivo – ha spiegato alla platea di imprenditori Gian Paolo Pinton, Amministratore Delegato della Trascom Expo Srl, società che organizza l’evento – è di recuperare il tempo perso sul fronte fieristico del settore, nel quale l’Italia è indietro rispetto agli altri paesi, che sanno fare squadra, autopromuovendosi, meglio di noi”. Nonostante questo, comunque, ha precisato Pinton, “l’immagine delle imprese aerospaziali italiane all’estero è tra le migliori al mondo”. E ciò, è stata la sottolineatura, fa dell’aeronautico, uno dei pilastri fondamentali delle “quattro A” del made in Italy, insieme all’abbigliamento, all’arredamento e all’automotive. Nella pratica, Italy Airspace Expo ha raccolto intorno all’organizzazione dell’evento la stampa specializzata, le istituzioni italiane ed estere, le associazioni di categoria. Tra queste l’AIAD, la federazione delle aziende italiane per l’aerospazio, la difesa e la sicurezza, presente all’incontro di Gallarate con Maurizio Madiai, coordinatore del settore aerospazio dell’associazione. Aree espositive dedicate ai vari comparti del settore, per un totale di 10mila metri quadri coperti e altrettanti all’aperto, che saranno allestiti alla Fiera di Roma. Una sorta di dependance espositiva di 5mila metri quadri, per la mostra di velivoli,  all’aeroporto di Fiumicino. L’organizzazione di incontri di business mirati faccia a faccia con i più importanti operatori mondiali. E in più, meeting, seminari, convegni, workshop. Questo il menu dell’evento che può rappresentare un’opportunità in più di visibilità anche per le piccole e medie imprese varesine e lombarde. Oltre ai produttori di aerei ed elicotteri, ha spiegato infatti Giuseppe Ruberto, Direttore Commerciale e Marketing della società organizzatrice, la manifestazione si rivolge alle imprese del comparto Engineering & Technology, ossia quelle impegnate nella progettazione di aeromobili, nella produzione di componenti e equipaggiamenti, nella realizzazione di apparecchiature, attrezzature e dispositivi. Oltre a sistemi e strumenti di sicurezza per gli aeroporti, i software e le tecnologie per il controllo del traffico aereo. Saranno, inoltre, coinvolti i settori delle infrastrutture e della logistica aeroportuale e del design dell’interno degli aerei. Aree produttive ben presenti e radicate sul territorio varesino.

15 luglio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi