Varese

“Notte Bianca” parte al rallenti. No abusivi, sì sosta selvaggia

home1_01Un inizio ritardato, al rallenti, ha contrassegnato questa “Notte Bianca” edizione n° 3. Il violento acquazzone che si è abbattuto sul Varesotto ha certamente ridotto l’afflusso del pubblico nelle prime ore della manifestazione. La stessa inaugurazione in programma per le 19, è stata divisa a metà, con il taglio del nastro all’aperto, ai Giardini, e gli interventi delle autorità dentro palazzo Estense, dato che le nuvole nere incombevano e la pioggia si annunciava imminente. Il temporale ha inserito il freno alla movida, creando più di un problema, a cominciare dai tavolini e dalle panche, che i bar avevano messo in strada, e che sono stati disertati per qualche ora, e dalle sedie messe a disposizione per la rappresentazione teatrale ai Giardini che hanno dovuto essere asciugate una per una. Una “Notte Bianca con l’Abruzzo” che ha recuperato pubblico con il passare di alcune ore, e che ha registrato davvero il “tutto esaurito” quando sul palco di piazza Monte Grappa è arrivato l’amato Davide Van De Sfroos, ma si parla di mezzanotte e mezza. Alle dieci e mezza, il commento del sindaco di Varese, Attilio Fontana, era già positivo. “Anche se è iniziata male, mi pare che la manifestazione stia andando bene, forse meglio degli altri anni. Tanta gente in città, è difficile vederla. Il fatto che, terminato il cattivo tempo, siano arrivati in tanti, significa che ci tenevano davvero”. Una festa che rasserena gli animi in un momento difficile per il sindaco e la maggioranza? “Sono abituato a tenere distinte la politica e l’amministrazione – dice il primo cittadino -, ma non nego che una festa riuscita bene come questa, mi ripaga di qualche amarezza e mi conferma che valeva la pena organizzarla, nonostante qualche voce contraria”. Se il pubblico, passata la tempesta, è arrivato con il passare del tempo, il bilancio della “Notte Bianca” è sfaccettato. Sul fronte del commercio, è stata evidente la scarsa partecipazione degli esercizi con le saracinesche alzate, forse sconsigliati dalle previsioni meteo negative, forse per la prevedibile presenza di ambulanti autorizzati che, con i loro grandi veicoli, hanno occupato diversi spazi del centro. Positiva l’assenza di venditori abusivi di birre ed alcolici che avevano infestato, con i loro carretti, le precedenti edizioni (non se n’è vista traccia né in piazza Monte Grappa, né in piazza Repubblica). Anche per quanto riguarda i rifiuti e, soprattutto, le bottiglie di vetro sparsi per le strade, la situazione è rimasta sotto controllo. In questo caso, il pugno di ferro dell’amministrazione è stato efficace. Vero punto dolente, invece, è stata “sosta selvaggia”: le auto sono state parcheggiate ovunque, il più delle volte sui marciapiedi, soprattutto nelle vie intorno a piazza Repubblica. (FOTOGALLERY)

28 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi