Varese

Stranieri in piazza nel luna park della “Notte Bianca”

home1_01Un angolo di solidarietà nel luna park della “Notte Bianca”. Un’iniziativa che rende ancora più ricchi, con ancora più sorprese, i contenuti della terza “Notte Bianca” “made in Varese” che sta per arrivare, dato che si svolgerà sabato prossimo, 27 giugno, dalle 18 alle 2 di notte. Concerti, buona cucina, spettacoli teatrali, divertimenti per i più piccoli, ma anche solidarietà. Una solidarietà che non riguarda, però, come hanno sottolineato gli organizzatori in questi giorni, soltanto il gruppo dei 12 ragazzi de L’Aquila che sono giunti in città per realizzare un video sulla movida della notte varesina, ma che riguarda anche un presidio che si terrà in piazza San Vittore durante tutta la notte. Lo avevano annunciato quando gli era stato proibito dalla Questura (a causa del voto) e ora lo fanno: associazioni e comunità di stranieri residenti nel capoluogo, a partire dalle ore 21, manifesteranno la loro contrarietà nei confronti del disegno di legge sulla sicurezza in discussione in Parlamento, oltre ad esprimere la condanna verso i respingimenti in mare, che rappresentano una grave violazioni delle norme internazionali. Un “Presidio in festa”, lo hanno chiamato gli organizzatori, che nella “Notte Bianca” intende dire un no forte e chiaro ad una politica della sicurezza caldeggiata soprattutto dalla Lega Nord, facendolo proprio a pochi passi dalla sezione leghista più importante di Varese, un po’ la culla del Carroccio. A sostenere questo angolo di solidarietà con gli immigrati e a favore dei richiedenti asilo si è schierato un amplissimo fronte di associazioni e organizzazioni della società civile del territorio, da Cgil, Cisl e Uil alle Acli di Varese, dall’Arci alla Caritas decanale, da Libera Varese fino ai Missionari Comboniani di Venegono e al Movimento di stranieri Ubuntu.

24 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi