Olgiate Olona

Olgiate Olona, commemorazione per il mezzo secolo dal disastro aereo che causò settanta vittime

olgiate_02Venerdì 26 giugno 2009, a cinquanta anni esatti dal disastro aereo di venerdì 26 giugno 1959, Olgiate Olona ricorda le settanta vittime di quella fatale tragedia e le persone a loro legate. Un “viaggio della memoria” che ha ripreso vigore con la pubblicazione del volume del giornalista olgiatese Alberto Colombo “Il disastro aereo del 26 giugno 1959 a Olgiate Olona”, pubblicato da Macchione nel 2008, e omaggiato dal Comune ai cittadini. E che ora culmina nella commemorazione del 50°, evento internazionale, ecumenico, organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Pro loco e alcuni volontari oliatesi. Per la commemorazione giungono a Olgiate i familiari di una decina di vittime (quasi tutti di nazionalità italiana). Il gruppo più numeroso viene da Livraga (paese natale di quattro vittime, tra cui il sindaco in carica nel 1959). Gli altri giungono da Milano, Palermo, Bollate, Pioltello, Sesto San Giovanni, Maastricht, Chicago, San Francisco, Kansas City. Tra gli invitati dal Comune di Olgiate Olona figurano consoli degli otto Paesi di provenienza delle vittime; amministratori di Regione Lombardia, Provincia di Varese, Comuni della Valle Olona e Busto Arsizio; rappresentanti dell’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac), Ente nazionale per l’assistenza al volo (Enav), Associazione nazionale famiglie caduti e mutilati aeronautica (Anfcma) e Aero club d’Italia; vertici della diocesi di Milano e di Chiese e confessioni religiose legate alle vittime; autorità militari di caserma “Mara” di Solbiate Olona e 2° Magazzino centrale Aeronautica militare di Gallarate; comandanti delle Forze dell’ordine e di pubblico soccorso, vertici della Croce rossa italiana (provinciale e Busto Arsizio) e delle Infermiere volontarie del sodalizio; associazioni e cittadini tutti di Olgiate Olona. Tra i presenti anche i testimoni oculari del disastro aereo – o familiari degli stessi – coinvolti a vario titolo dalla sciagura nel 1959: soccorritori olgiatesi, della Croce rossa di Busto Arsizio e dei Vigili del fuoco del distaccamento Gallarate-Busto Arsizio, agenti dei Carabinieri, ex dipendenti della Trans World Airlines e dell’aeroporto di Milano-Malpensa. Alle 17 parte un corteo silenzioso verso il monumento memoriale e alle 17.33 si tiene la commemorazione davanti al monumento stesso, all’ora in cui accadde la sciagura; inoltre, alle ore 17.33 suona a distesa il “campanone” della Prepositurale Santi Stefano e Lorenzo. La preghiera di suffragio, preceduta dalla lettura dei nomi delle vittime, è internazionale (in varie lingue), ecumenica e officiata dai rappresentanti delle varie confessioni religiose. Alle 21, poi, presso la Prepositurale dei Santi Stefano e Lorenzo, si tiene la “Serata della memoria”, più di un concerto e assai più del solo fare memoria del passato: il linguaggio della musica proposto dal gruppo “The Swingles” – brani attinti dal repertorio internazionale – accompagna sia il ricordo della tragedia, sia il “viaggio della memoria”, personale e collettivo, che continua oltre il 26 giugno 2009. Durante la Serata, tre “inserti” propongono e suggellano, in anteprima assoluta, altrettante “memorie” ispirate al disastro aereo: il pittore olgiatese Ernando De Dionigi dona il quadro di cui è autore al Comune di Olgiate Olona (sarà collocato nell’ufficio del sindaco); il poeta legnanese Cristiano Comelli legge la propria poesia ispirata alla sciagura del 1959; viene proiettato il video del brano musicale “Olgiate Olona 26 Giugno 1959” prodotto dal gruppo “Panama Bus” (testo e musica sono dell’olgiatese Nicola Puddu). La solidarietà è l’epilogo della Commemorazione del 50°. Le offerte raccolte con le cartoline e a fine Serata finanziano il veicolo “Ape” intitolato alla memoria delle vittime che sarà donato alla Cooperativa “Massimo Carletti” di Olgiate Olona in una cerimonia ad hoc che avrà luogo entro fine anno.

17 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi