Varese

“Notte Bianca”, la città si prepara. Concertone in piazza Monte Grappa

Enrico Angelini

Enrico Angelini

Si profila, giorno dopo giorno, il cartellone della terza edizione della “Notte Bianca” di Varese, in programma sabato 27 giugno, un’edizione sulla quale, ammette lo stesso Marcello Vitella della Consel, la società che organizza la manifestazione, “abbiamo riflettuto a lungo prima di decidere di organizzarla anche quest’anno”. Una scelta che ha portato gli organizzatori, Comune di Varese in testa, a intitolare l’edizione 2009 “Notte Bianca con l’Abruzzo”. “E’ la dimostrazione che la città reagisce alla crisi nel modo giusto – rimarca l’assessore alla Promozione del territorio, Enrico Angelini -, e lo fa rimboccandosi le maniche e valorizzando ciò che di buono produce il territorio”. Dal canto suo, l’assessore al Commercio del capoluogo, Salvatore Giordano, non ha dubbi sulla partecipazione degli esercenti, che in passato non si sono mostrati entusiastici sostenitori della kermesse. “Questa volta c’è il sostegno delle due principali associazioni del commercio, Ascom e Confesercenti, e dunque ci attendiamo una partecipazione più forte rispetto alla precedente edizione”. Taglio del nastro previsto, con il ricevimento a palazzo Estense, alle ore 19 del fatidico sabato. Ora si stanno ancora definendo i particolari del programma, ma Vitella assicura che saranno aumentati di un 25% i parcheggi per le auto e rafforzati i bus navetta (“soprattutto quelli che l’anno scorso hanno registrato il sold out”). Per i più curiosi, gli organizzatori confermano che c’è iol concertone in piazza Monte Grappa: ritorna, come il primo anno, l’amato Davide van de Sfroos, spalleggiato da artisti come Patrizia Laquidara, il tutto presentato da Alberto Patrucco. Poi band emergenti “made in Varese” (piazza Cacciatori delle Alpi), Jazz in piazza Giovine Italia, per una non stop che, unico caso in tutta la “Notte Bianca”, arriverà fino all’alba del giorno dopo, la rassegna Solevoci, e tanto sport in piazza Repubblica. Naturalmente, oltre all’evento più atteso: quel “Sogno di una notte di mezza estate” portato ai Giardini Estensi dal regista e attore varesino Andrea Chiodi. Uno spettacolo che poi andrà in turné per portare altrove il nome della città giardino.

15 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi