Novate Milanese

Riapre la casa di Testori e fa spazio ai giovani in “Giorni Felici”

home2_interno5Per chi ama lo scrittore Giovanni Testori, un grandissimo nel panorama della flebile letteratura del ‘900 italiano, è quasi doloroso affacciarsi alla sua casa di Novate, la modesta villetta che si può scorgere a lato delle Ferrovie Nord. Si prova disagio e malinconia a ripercorre la geografia del cuore e della scrittura di Testori, di cui Novate (e la sua casa) costituisce un ineludibile punto di riferimento, tra la casa, il giardino, il “fabbricone”. Quando si parla delle radici di uno scrittore che, peraltro, in questo caso, si rivela tanto europeo e curioso del mondo, ci si inoltra su un terreno delicato e suggestivo, sul quale camminare con rispetto. Una premessa che può rendere ancora più preziosa l’iniziativa promossa dalla benemerita associazione intitolata allo scrittore, unica realtà che, con intelligenti proposte, tiene viva la memoria del grande autore novatese. Una mostra, dallo struggente titolo beckettiano “Giorni Felici. 22 artisti in 22 stanze, a casa Testori”, prenderà il via il 18 giugno alle 18 (la mostra di Novate Milanese, Largo Testori 13, potrà essere visitata fino al 28 giugno, con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 22; sabato e domenica dalle 10 alle 22). La riapertura della casa di Giovanni Testori è sempre un’occasione da festeggiare, tanto più per chi ne ha già potuto gustare gli interni in passato, all’epoca della memorabile esposizione del grande ciclo dei Pugilatori, sei anni fa. Ora, in concomitanza con la messa online del catalogo ragionato dei suoi dipinti e disegni, sarà esposta a Novate una serie di acquerelli realizzati in una stagione particolarmente felice della vita, alla fine degli anni Sessanta. Attorno a Testori, stanza dopo stanza, un gruppo di famosi artisti affianca alcuni giovani al principio della propria avventura creativa. Casa Testori si trasforma, dunque, in una sorta di “Kunsthaus”, realtà molto diffuse nelle città tedesche e del nord Europa, ma non in Italia, nelle quali viene data una chance a un artista di esprimere il proprio lavoro in un luogo pubblico che lo accolga. “Giorni felici” diventa un’opportunità che l’Associazione Testori offre ad artisti che stanno cercando la loro strada. Le porte si aprono a realtà creative nuove, grazie ad una scommessa di responsabilità nei confronti di un’ansia creativa che ha spesso bisogno di trovare un indirizzo, e che può giovarsi di un luogo certamente rassicurante come quello offerto da Casa Testori e dalla vicinanza con numerosi artisti già affermati. Ecco l’elenco di artisti “laureati” e giovani promesse presenti alla Casa Testori: Giovanni Agosti, Studio Azzurro, Gabriele Basilico, Christiane Beer, Andrea Bianconi, Marco Casentini, Marco Cingolani, Chiara Dynys, Tamara Ferioli, Giovanni Frangi, Riccardo Gavazzi, Massimo Kaufmann, Mauro Maffezzoni, Paolo Maggis, Fulvia Mendini, Matteo Negri, Gianriccardo Piccoli, Annalisa Pirovano, Michela Pomaro, Alessandro Roma, Pietro Ruffo, Giovanni Testori.

11 giugno 2009 - Andrea Giacometti - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi