Arte

Ad Arcumeggia le opere del Van Gogh della Valcuvia

home4_interno1 Ancora riflettori puntati  sull’opera di chi il critico Raffaele De Grada definì “il piccolo Van Gogh locale”, ovvero il pittore Innocente Salvini. A lui e alla sua opera Arcumeggia dedicherà la mostra “L’arte poetica di Innocente Salvini”, inaugurata sabato 13 giugno, alle ore 16.30, nel Paese dipinto, un’iniziativa della “Sangalleria”, in collaborazione del Museo Salvini di Cocquio Trevisago. La rassegna delle opere di Salvini sarà ospitata contemporaneamente in due sedi, presso la stessa “Sangalleria” e presso la “Bottega del pittore”. Saranno proposte trenta opere realizzate dall’artista, tra le quali figurano cinque dipinti inediti che sono stati recuperati dagli organizzatori con una lunga ricerca sul territorio, che li ha strappati all’oblio e restituiti al loro originario splendore. La mostra sarà accompagnata da un catalogo curato da Angela Viola, Flavio Moneta, Luigi e Marina Sangalli. In catalogo si segnala, tra l’altro, un contributo filologico di Gianmarco Gaspari, docente all’Università dell’Insubria di Barese, un intervento in cui Gaspari analizza lo scritto olografo di Salvini, nel quale l’artista riflette sul “senso” del suo segno pittorico e di ciò che per l’artista l’arte rappresentava. Scriveva Innocente Salvini: “L’arte vive nel tempo non ha moda se è vera arte”. In vetrina ad Arcumeggia numerosi documenti fotografici inediti ed alcuni scritti dell’artista. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Casalzuigno, dalla Provincia di Varese, dalla Comunità Montana della Valcuvia, dall’Universita dell’Insubria, dalla Pro Arcumeggia.

8 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi