Varese

Il prefetto rilancia il valore dell’unità nazionale

home1_interno1Un 2 giugno molto sentito dai cittadini, quello che si è celebrato nell’Aula Magna dell’Università dell’Insubria alla presenza delle massime autorità, ma soprattutto di un folto pubblico che ha subito occupato gli oltre trecento posti della sala universitaria. Una partecipazione alla Festa della Repubblica che forse ha spiazzato persino gli organizzatori, che non se l’attendevano così ampia. Dopo l’alzabandiera che, davanti ad un picchetto d’onore dell’esercito, si è svolto di fronte al Monumento ai Caduti, tutti si sono trasferiti nell’adiacente Università dell’Insubria, dove si è esibito anche l’Orchestra giovanile studentesca promossa dall’Ufficio scolastico di Varese, e diretta da Lucia De Giorgi. Le celebrazioni sono iniziate con un intervento del prefetto di Varese, Simonetta Vaccari, che ha rilanciato il tema dell’unità nazionale e l’importanza che l’ordine pubblico venga tutelato dalle forze dell’ordine, cioè da uomini in divisa che rappresentano lo Stato. Il prefetto ha dato lettura del messaggio che il presidente della Repubblica, Giorgio Napoletano, ha inviato ai prefetti, sottolineando la necessità di un forte spirito di coesione e solidarietà. Al termine del messaggio, il prefetto Vaccari ha aggiunto alcune sue considerazioni. Prendendo spunto dalla recente tragedia del terremoto in Abruzzo, e dal contributo alle popolazioni giunto da Varese, il prefetto ha elogiato “le tante iniziative di volontariato civile, che rappresentano fatti e non vuote parole, espressioni retoriche”. Forte il richiamo della Vaccari sul valore della “identità nazionale, che deve essere valorizzata dagli enti locali”, e sul valore dell’unità nel nostro Paese, contro ogni logica di contrasto e rottura. A tale proposito, il prefetto ha auspicato anche una sempre maggiore “cooperazione inter-istituzionale”, un continuo dialogo tra poteri dello Stato. Terminando il suo intervento di fronte ad una prima fila che vedeva la presenza di alcuni esponenti leghisti di primo piano del governo, dal ministro degli Interni, Roberto Maroni, alla vicepresidente del Senato, Rosi Mauro, oltre al sindaco di Varese, Attilio Fontana, e al presidente della Provincia, Dario Galli, il prefetto Vaccari ha espresso un plauso alla magistratura, alle forze dell’ordine, “che hanno intensificato il controllo del territorio”, e ai Patti per la sicurezza, efficace strumento per garantire l’ordine pubblico e la sicurezza di tutti i cittadini. Premiati, nel corso della cerimonia, e lla presenza di molti sindaci deib Comuni della nostra provincia, numerosi ragazzi delle scuole varesine, segnalatisi per forte spirito civico, e altre prestigiose onorificenze della Repubblica.


FOTOGALLERY

2 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi