Lavoro

Edili per metà sono stranieri e ai gradini più bassi

home2_interno1Segnale importante dal mondo sindacale varesino. La categoria Costruzioni e Legno della Cgil di Varese, la Fillea-Cgil, ha sentito la necessità di dedicare un suo direttivo alla questione-stranieri, dopo il semaforo verde del Parlamento alle controverse norme sulla sicurezza. Un allarme lanciato dal cuore di un territorio in cui l’edilizia è tra le più rilevanti attività economiche. Presieduto dalla segretaria generale Fillea-Cgil di Varese, Simona Ghirlandi, il direttivo ha fatto il punto della situazione. Confermando che, nella nostra provincia, i lavoratori stranieri con il casco giallo iscritti alla Cgil sono, al febbraio 2009, oltre il 40% dell’intera forza lavoro, con una diminuzione rispetto all’anno scorso (erano il 42%). Questo perché la questione-stranieri non può essere separata dalla forte crisi che colpisce la nostra economia, dato che, i dati sono sempre del febbraio 2009, la Fillea-Cgil registra un calo delle imprese del settore di 157 unità, rispetto allo stesso mese 2008, e una riduzione di addetti di quasi il 10%. Esploso il dato relativo alla cassa integrazione: più 226%. Nonostante la crisi, dunque, quasi la metà dei lavoratori edili è composta da stranieri (il 40% a livello regionale). Una presenza importante, che fa dire a Franco De Alessandri, segretario Fillea-Cgil lombarda, che “se questi lavoratori non ci fossero, si bloccherebbe il settore e, più in generale, la nostra economia non andrebbe più avanti”. Sono importanti, questi lavoratori, ma nel settore edile occupano, per la stragrande maggioranza, le posizioni più basse e meno retribuite (al primo livello sono inquadrati quasi 1800 addetti, al secondo più di 800). Tra le nazionalità più presenti sulle impalcature sono gli albanesi (37%), i marocchini (17%) i romeni (14%). Dal direttivo varesino partirà un ordine del giorno sull’emergenza della questione-stranieri dopo il pacchetto-sicurezza del governo diretto alle altre categorie e all’intera Cgil a livello nazionale.

18 maggio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi