Sanità

Circolo: trapianto rene-pancreas su paziente affetto da HIV

operazione1All’Ospedale di Circolo di Varese è stato eseguito ieri il quarto trapianto combinato di rene-pancreas in un paziente affetto da HIV. Varese si conferma così al primo posto al mondo per il trattamento chirurgico di questo tipo di pazienti, solo altri due interventi simili sono stati effettuati su pazienti nelle medesime condizioni: a San Francisco e a Ginevra. “Siamo orgogliosi del fatto che il Centro Trapianti di Varese attiri l’attenzione della comunità scientifica internazionale grazie a questa procedura chirurgica che dà la possibilità di un trattamento definitivo ad un numero sempre crescente di pazienti”, sottolinea il professor Renzo Dionigi, rettore dell’Università dell’Insubria e direttore dell’Unità operativa di Chirurgia I del Circolo. Questo risultato è stato possibile grazie alla collaborazione tra l’Università dell’Insubria e l’Azienda Ospedaliera di Varese, l’unica in Italia autorizzata a realizzare questo tipo di doppio trapianto. L’intervento è durato circa 8 ore, eseguito dal professor Renzo Dionigi, coadiuvato, per gli aspetti infettivologici, dal professor Paolo Grossi, direttore del Dipartimento Trapianti dell’Azienda e dell’Unità operativa Malattie infettive e tropicali del Circolo; per gli aspetti anestesiologici dal professor Salvatore Cuffari, direttore della Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione e Cure Palliative dell’Azienda e per quelli vascolari dal professor Patrizio Castelli, direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia vascolare.

16 maggio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi