Economia

In arrivo nuove adesioni al bio-distretto Asse del Ticino

Alberto Onetti

Alberto Onetti

Il CrESIT (Research Centre for Innovation and Life Sciences Management) annuncia l’adesione al Distretto sulle Tecnologie e Scienze della Vita “Asse del Ticino” di due nuove realtà industriali, Naicons scarl e NeEd Pharmaceuticals. Il Distretto, che riunisce già oltre 25 imprese operanti in vari settori delle biotecnologie per la salute e delle tecnologie per l’ambiente, potrà arricchirsi di nuove competenze tecnico-scientifiche che andranno ad aggiungersi a quelle già presenti sul territorio e integrate attraverso la rete “Asse del Ticino”. Naicons (New Anti-Infectives CONSortium) è un consorzio di imprese ad elevato contenuto tecnologico orientate alla scoperta di nuovi farmaci nel settore degli antinfettivi. Le attività di Naicons sono finalizzate allo svolgimento di ricerca avanzata, di base ed applicata con prospettive di utilizzo ai fini industriali, attraverso la collaborazione tra Università, Centri di Ricerche e Industrie, a livello nazionale ed internazionale. La sede del consorzio è nel Polo Scientifico Tecnologico dell’Università di Milano (Polo di Via Fantoli). NeEd è una start-up biofarmaceutica dedicata alla ricerca di nuovi farmaci per il trattamento di patologie infettive “neglette”, ad elevato impatto etico-sociale, quali tubercolosi e malaria. NeEd opera all’interno di Naicons e si avvale quindi delle competenze tecnologiche e scientifiche di base presenti nel consorzio integrandole con l’esperienza di sviluppo industriale, costituendo così un sistema totalmente integrato di ricerca e sviluppo nel settore dei farmaci anti-infettivi. “Il nostro cluster si arricchisce di due realtà industriali estremamente promettenti nell’ambito delle life sciences” segnala il professor Alberto Onetti, direttore del CrESIT e coordinatore del Distretto. “In meno di due mesi siamo riusciti ad aggregare intorno all’Asse del Ticino una massa critica importante di attività produttive e di ricerca: ora si tratta di lavorare, sia per continuare a fare crescere numericamente le adesioni, sia per creare occasioni di networking tra le aziende del cluster ed attuare interventi volti a supportarne l’azione”. “La nostra partecipazione all’Asse del Ticino”, ha dichiarato Daniela Jabes, presidente di Naicons e ad di NeEd, “rappresenta una grande opportunità di sviluppo a livello nazionale e internazionale per le piccole e medie imprese della zona, attraverso la rete di contatti e collaborazioni già presente ed in fase di espansione, che consentirà di ottimizzare le risorse esistenti sul Territorio. Questo network, arricchendosi di conoscenze scientifiche e competenze industriali, aprirà le porte alle grandi industrie che operano nel settore, portando l’Italia a elevati livelli di competitività internazionale”.

13 maggio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi