Volontariato

Cesvov, una nuova biblioteca per il volontariato

Maurizio Ampollini

Maurizio Ampollini

Volontariato non significa soltanto solidarietà e impegno quotidiano nelle situazioni più difficili. Volontariato è anche cultura, studio, approfondimento, un percorso fondamentale per rispondere al meglio ai bisogni di oggi. E’ del tutto coerente, dunque, che esista una biblioteca e una sala di lettura “solidali”, dedicate cioè alle pubblicazioni sul volontariato e il terzo settore, e a quelle che escono da questo mondo ricco e variegato, assai diffuso anche sul nostro territorio. Un’iniziativa presa dal Cesvov di Varese che, venerdì 15 maggio, alle ore 17.30, taglierà il nastro della prima biblioteca del volontariato, che avrà sede presso lo stesso Centro servizi di via Brambilla 15, a Varese. Un gesto non isolato o ripiegato su se stesso, dato che è inserito nel denso calendario della tre giorni “Fai il pieno di cultura” (15-16-17 maggio) promossa dal Pirellone. “Abbiamo voluto creare un luogo dove si rifletta sulla solidarietà e sul volontariato, passato, presente e futuro – spiega Maurizio Ampollini, direttore Cesvov. – Partiamo con una biblioteca formata, inizialmente, da 1500 volumi, 300 periodici, documenti e testi prodotti dalle associazioni e dai gruppi di volontariato, che costituiscono una preziosa fonte di documentazione”. La biblioteca del Cesvov sarà fruibile al largo pubblico, laureandi, volontari, comuni cittadini. “Sarà disponibile alla consultazione da parte di tutti – continua Ampollini -: abbiamo aderito al Sistema bibliotecario provinciale, le schede dei volumi saranno messe in rete, i volumi potranno essere richiesti da ogni biblioteca della provincia”. Oltre alla collezione dei volumi, sotto il tetto della sede del Cesvov troverà posto anche una sala lettura, collocata nella veranda (biblioteca e sala di lettura saranno aperte al pubblico il lunedì e il mercoledì dalle 14.30 alle 18.30 e il venerdì dalle 9 alle 13). All’inaugurazione sarà presente Dino Azzalin, poeta, scrittore, editore, medico dentista e volontario che parlerà dei suoi ultimi libri (il volume di poesie “Prove di memoria” e quello di racconti “Mani Padamadan”) e della sua esperienza di volontario e fondatore dell’associazione Apa (Amici per l’Africa), impegnata nell’assistenza medica nei Paesi del Sud del mondo.

13 maggio 2009 - a.g. - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi