Calcio

Lega Pro, oggi penultimo turno.
Pro Patria e Varese possono sognare

Fonte: www.varese1910.it

Fonte: www.varese1910.it

Penultima giornata di campionato in Prima e Seconda divisione: Pro Patria e Varese comandano le rispettive classifiche. Diciamolo sottovoce, ma già oggi, verificandosi alcune combinazioni di risultati, potrebbero festeggiare la promozione. In ogni caso, entrambe le “nostre” squadre sono padrone del proprio destino. Tutti in campo alle ore 15.

PRO PATRIA. I tigrotti ospitano la pericolante Sambenedettese: una rivale che ha bisogno di punti, ma non può mettere soggezione a chi ha comandato il campionato fin dall’inizio. Tigrotti senza Cristiano e Toledo (squalificati), abili e arruolati melara, Dalla Bona e Music. In settimana l’arresto dell’ex patron Zoppo ha chiuso il cerchio della crisi societaria: in attesa di cordate e compratori, la squadra coccola il grande obiettivo. La classifica è il gioco delle coppie: Pro e Cesena a quota 56, Reggiana e Ravenna 53, Spal e Padova 50. Ricordiamo che, in caso di arrivo in parità, solo nei confronti del Ravenna i biancoblù sarebbero in svantaggio negli scontri diretti. La vittoria bustocca, il segno “2″ in Cesena-Cremonese e il mancato successo del Ravenna a Venezia vorrebbero dire champagne.

VARESE. Primo match point per i biancorossi, che salgono a Bolzano per sfidare il Sudtirol. Mister Sannino, che a inizio carriera guidò gli altoatesini, è convinto che Lepore (di nuovo in campo, e sappiamo quanto conti per il gioco) e compagni faranno una grande prestazione dopo la beffa di domenica scorsa. Squalificato Dos Santos, al suo posto Bernardini. Va bene anche un pareggio, a condizione di vincere l’ultima col Mintichiari: incamerando 4 punti il Varese, che è a quota 57 contro i 55 punti dell’Alessandria (impegnato a Montichiari) e i 54 del Como (a Valenza Po), sarebbe a cavallo. La vittoria a Bolzano e una contemporanea frenata dei grigi piemontesi darebbero la matematica certezza della Prima divisione.

9 maggio 2009 - Stefano Affolti - s.affolti@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi