Spettacoli

S’alza il sipario a Varese:
è la nuova stagione estiva

Franco Cerri

Franco Cerri

Dal sofisticato jazz di Franco Cerri allo spettacolo “en travestì” anni Trenta delle Sorelle Marinetti, dalle opere di Donizetti e Pergolesi ai mitici Legnanesi. Sì, anche Varese, da quest’anno, ha una sua stagione teatrale estiva. Certo, Varese è sempre stata ricca di iniziative, incontri, spettacoli, pellicole, nei mesi estivi, ma per una proposta di questo genere si deeve parlare a buon diritto di un debutto. Ad organizzare la rassegna, dal titolo “Il Teatro d’Estate”, un cartellone di 13 appuntamenti da giovedì 18 giugno a martedì 4 agosto (sempre con inizio alle 21.30), è il Teatro di Varese, che per realizzare questa proposta utilizzerà la tensostruttura dei Giardini Estensi (in caso di pioggia si va tutti all’Apollonio). Si parte, dunque, giovedì 18 giugno, con i “SeiOttavi”, gruppo vocale a cappella (o “vocal swing”) conosciuto dal grande pubblico per essersi esibito nella popolare trasmissione di Maionchi & Company “X Factor”. Poi, il 24 giugno, è la volta di un decano dei jazzisti italiani, Franco Cerri, seguito, il 30 giugno, dall’opera di Carl Orff “Carmina Burana”, proposta nella versione dell’Orchestra Filarmonica di Milano, che si è già segnalata nella stagione del Teatro Apollonio grazie ad alcuni melodrammi assai apprezzati dal pubblico. Mercoledì 1 luglio sul palco salirà il cabarettista Andrea “Pucci” Baccan, in “Pucci Show”, mentre per il giorno dopo è in programma il ritorno del trio “en travestì” delle Sorelle Marinetti nello spettacolo “Non ce ne importa niente”. Spazio a Donizetti, il 7 luglio, con la sua opera “Rita ou le mari battu”, ancora con l’Orchestra Filarmonica di Milano, e l’8 palco dei Giardini Estensi riservato al match di improvvisazione teatrale del gruppo “I Plateali” sull’amletico tema “Mari o Monti”. Data da non perdere il 9 luglio, con il soprano bavarese Karin Schmidt e lo “Swing Trio” del milanese Paolo Alderighi, giovane virtuoso emergente. Lunedì 13 luglio ritorna a Varese lo spettacolo più longevo nella storia di Broadway, “Caveman, l’uomo delle caverne”, con Maurizio Colombi, e per il 14 luglio è in programma il travolgente swing anni Trenta e Quaranta dell’Orchestra Maniscalchi, ensemble diretto dal maestro Christian Schmitz (in arte Chicco Maniscalchi), che dall’ottobre 2007 accompagna in tournée le Sorelle Martinetti. La rassegna si conclude con una coda di tutto rispetto: il 20 luglio c’è la serata di cabaret “Ridi Varese!”, battute e volti dal Laboratorio Zelig che ha tenuto banco al Teatrino Santuccio di via Sacco, il 22 tutto esaurito garantito con i mitici “Legnanesi” nello spettacolo “Le Teresate” e, il 4 agosto, l’opera di Pergolesi “La serva padrona”. Una stagione ricca di proposte che, al momento, potrebbe vedere anche la collaborazione del Comune di Varese.

5 maggio 2009 - Andrea Giacometti - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi