Libri

“Amor di libro” dedicato a chi scrive e chi legge, dando ragione a Umberto Eco

amordilibro_02Proprio il giorno in cui Umberto Eco, anticipando la sua ultima opera, ci rassicura e ci dice “state tranquilli, il libro non morirà mai”, a Varese è stato lanciato il programma, ampio e corposo, di ”Amor di libro”, che si svolgerà nella città giardino dal 9 al 24 maggio. La tradizionale kermesse è organizzata dal Comune e ha toccato quota undici edizioni, raccogliendo ogni anno grande interesse da parte del popolo dei lettori. Come ricorda il dirigente dell’assessorato alla Cultura, Andrea Campane, “il tema unificante dell’edizione 2009 è il logos, che diventa parola scritta, cantata, recitata”. Numerose le presenze d’eccezione, che proporranno libri e riflessioni sotto la tensostruttura di piazza Monte Grappa: dall’archeologo-scrittore Valerio Massimo Manfredi (il 9 maggio) all’esordiente da best seller, Paolo Giordano, autore della “Solitudine dei numeri primi”, che verrà insignito del premio “Liala” (il 14 maggio), fino al narratore sardo Salvatore Niffoi (16 maggio). L’angolo sulla poesia ospiterà Cesare Viviani (il 15 maggio), mentre tra gli scrittori del passato ricordati nel corso della manifestazione ci saranno Guido Morselli, che ha visto ripubblicare quest’anno il volume “Realismo e fantasia” (il 10 maggio) e Giovannino Guareschi (il 12). Altri appuntamenti di sicuro interesse, il volume “Ora et pedala” di don Romano Frigo (il 15), il volume “Sentieri invisibili” del magistrato Giuseppe Battarino, la riedizione della rivista “Nuova Presenza”, dedicata all’ambiente, da parte della casa editrice Nuova Magenta. Da segnalare infine, a cura del Comitato ExpoVillage, Decanato di Varese e Associazione centro culturale “Massimiliano Kolbe”, la proposta del film “Credo”, con la regia di Alberto Michelini, sulla figura di Giovanni Paolo II, il 24 maggio. Un’edizione di “Amor di libro” dedicata al libro e ai lettori che, fortunatamente, ci ha risparmiato quell’angolo dedicato alla politica, in programma l’anno scorso, risultato fuori luogo e che aveva visto una scarsa partecipazione. Con questi scuri di luna meglio parlare di libri. Anzi, meglio leggerli.

30 aprile 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi