Lavoro

Un manifesto united color per il primo maggio a Varese

1maggio2009Tutto il mondo del lavoro lombardo festeggerà il primo maggio a Varese, in piazza Repubblica. Una ricorrenza, la Festa dei lavoratori, che a qualcuno sembra obsoleta, legata a valori ormai tramontati, quasi un residuo d’altri tempi in un mercato del lavoro precario e super-flessibile. Eppure ci sono iniziative e proposte che, nonostante tutto, riescono a riallacciare i fili tra passato e presente. E’ certamente il caso del Concerto del primo maggio che si tiene a Roma, e che riscuote tanto successo tra le nuove generazioni. E’ anche il caso del manifesto con il quale Cgil, Cisl e Uil regionali lanciano la manifestazione che si terrà a Varese. E’ un manifesto “united color”, scritto in lingue diverse, con alfabeti diversi, rivolto a lavoratori italiani e stranieri. Un bel manifesto. Che dice quanto il mondo di oggi sia cambiato, fatto di tanti che, da tanto lontano, approdano tra noi, a lavorare e produrre reddito, come ben sanno gli imprenditori di casa nostra. E come ben sanno anche tutti coloro che continuano ad urlare che chiunque sia straniero, anche la badante o il ragazzo pony-express, costituisce una minaccia per la nostra sicurezza. E’ una lezione di realismo, il manifesto dei sindacati: dagli stranieri viene ricchezza e pensioni. Anche per noi che abitiamo nel profondo Nord.

28 aprile 2009 - a.g. - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi