Basket

Cimberio batte Veroli e torna in A1. Il pubblico l’uomo in più

cimberio_014VARESE – Tutto è bene quel che finisce bene. Non si è fatta mancare quasi nulla la Cimberio in versione LegaDue: ha dovuto aspettare l’ultima partita di regular season, trasformatasi in una finale secca, per ritrovare il suo posto nel grande basket. Veroli, più serena visto che non era favorita, è uscita schiantata alla distanza da una squadra che voleva a tutti i costi festeggiare senza ulteriori, pericolosi rinvii ai playoff. Biancorossi sempre avanti, laziali a ruota per due tempi e un pezzettino: quindi l’accelerazione vincente, con Galanda monumentale, Dickens implacabile, Lauwers chirurgico, Cotani straripante, Childress chirurgico, Passera generoso, Martinoni essenziale, tutti gli altri a mettere il loro bravo mattoncino sul trionfo. Difesa puntuale e attacco efficace contro ogni tipo di schieramento, dopo un approccio ruminato: il punteggio dice 81-70, alla sirena la festa esplode sul parquet. Succede quel che prevedeva lo striscione innalzato in favor di telecamere dalla curva prima del via: Varese saluta l’inferno e torna in paradiso nel delirio della sua gente, capace di riempire per la LegaDue un palasport alla cui volta sono appesi i drappi delle coppe dei Campioni. Spettatori 5.200: è la splendida eresia di una città che tra pochi giorni (11 maggio) festeggerà il decennale della stella con la leggerezza di chi ha raddrizzato il mondo e si è levato un peso dal cuore.

CIMBERIO VARESE-PRIMA VEROLI 81-70 (19-12, 39-37, 60-49)
Varese:
Passera 13, Antonelli, Galanda 14, Gergati, Martinoni 10, Cotani 7, Nikagbatse 5, Lauwers 12, Childress 7, Dickens 13. All. Pillastrini.
Veroli: Stelmahers, Rossi 3, Gatto 20, Rezzano, Plumari, Migliori 9, Nissim 18, Mian 6, Bianchi ne, Hines 14. All. Trinchieri.
Arbitri: Pascotto, Pinto, Di Modica.
Note. Spettatori 5.200. Tiri liberi: Va 17/20, Ve 9/17. Tiri da 2: Va 17/34, Ve 14/28. Tiri da 3: Va 10/24, Ve 11/24. Rimbalzi: Va 35, Ve 27.

26 aprile 2009 - Stefano Affolti - s.affolti@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi