Libri

Non solo tortellini. Macchiavelli porta a Varese la nouvelle vague emiliana

Loriano Macchiavelli

Loriano Macchiavelli

machiavelli_03Se non viene considerata una vera e propria “scuola”, poco ci manca. Certamente il gruppo degli autori con radici emiliane è folto e con una particolare predilezione per i piani alti delle classifiche di vendita. Uno di loro sarà questa sera alla libreria Feltrinelli di Varese, per presentare il suo ultimo, enigmatico libro, stimolato e “provocato” dal giornalista e scrittore varesino Mario Chiodetti (l’incontro inizia alle ore 18). Sotto i riflettori ci sarà Loriano Macchiavelli, giallista di vaglia, che ha appena pubblicato “Delitti di gente qualunque” (Mondadori). Il suo nome è indissolubilmente legato all’onesto e tenace poliziotto Sarti Antonio che, proprio in questo libro, segna il suo ritorno. Macchiavelli, autore bestseller, ci dona un volume a forte riferimento territoriale, dato che è ambientato tra le ville storiche di Bologna. Il giallista, che vanta anche una bella collaborazione con il cantautore Francesco Guccini, è nato a Vergato (Bologna). E’ uno dei protagonisti di quella nouvelle vague con radici in Emilia, esattamente come un altro giallista eccezionale, il parmense Carlo Lucarelli e l’originale (e controverso agli occhi dei critici più severi) Valerio Massimo Manfredi, originario di Castelfranco Emilia, scrittore, divulgatore scientifico, autore – al pari di Lucarelli – di programmi televisivi. A tutti questi possiamo poi aggiungere anche Enrico Brizzi, bolognese doc, balzato all’onore delle cronache con il suo “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, ma autore anche di un poco conosciuto (e recente) “La vita quotidiana a Bologna ai tempi di Vasco” (Laterza), un vero e proprio baedeker di luoghi del cuore dell’amato capoluogo felsineo.

23 aprile 2009 - a.g. - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi