Milano

Le priorità saranno ancora le poltrone?

Fabrizio Cicchitto

Fabrizio Cicchitto

Passo passo, la grande manifestazione del 2015 inizia a profilarsi. Ieri, finalmente, palazzo Marino ha acceso il semaforo verde alla Commissione permanente su Expo, un organismo composto da 37 consiglieri, che ha il compito di fotografare se si realizzeranno gli impegni presi al momento della vittoria di Milano. Una commissione importante, dato che sull’Expo non solo Mlano o la Lombardia, ma tutto il Paese, gioca la sua credibilità. Dibattito acceso anche alla Camera dei deputati, con la mozione Franceschini che chiedeva un organismo di controllo sugli appalti e il Carroccio a sollecitare più attenzione del governo sugli scali milanesi (mozone bocciata). Approvata la mozione Cicchitto (Pdl) con scritto nero su bianco impegno a reperire fondi e individuazione delle priorità. C’è da sperare non quelle di chi occupa questa o quella poltrona. Il territorio attende di capire quanto l’Expo risponderà alle attese diffuse di maggior efficienza delle infrastrutture (a partire dai collegamenti ferroviarim, ancora allo stadio neolitico) e alla necessità di più lòavoro per tutti.

22 aprile 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi