Cinema

“A tube”, dove l’animazione è di casa. Settimana di festa nella città giardino

atube_02

Giorgio Ghisolfi

Un festival dell’animazione che è rivolto, certo, ai più piccoli, ma anche a tutti gli altri. “A-tube. The Global Animation Film Festival”  è il titolo della manifestazione che si svolgerà a Varese, dal 17 al 24 maggio, presso il Multisala Impero, la sala Urano, luogo di sicuro richiamo per gli amanti del cinema d’autore e sede delle proiezioni, e il Miv Cafè. Ricco il panorama di proposte per questa rassegna, che vede intrecciarsi numerose collaborazioni, Comune, Provincia e Pro Loco di Varese, e gode del patrocinio di Regione Lombardia, Università dell’Insubria, Camera di commercio di Varese. Il ricco ventaglio degli eventi è frutto del progetto di Giorgio Ghisolfi, direttore artistico della manifestazione, una lunghissima esperienza nel mondo dell’animazione e diverse incursioni fortunate nella pubblicità. A fargli da spalla, sul fronte dell’organizzazione, la direttrice organizzativa Valentina Zolla. In programma lungometraggi, corti, contributi dai principali festival internazionali. E poi delle stelle di prima grandezza, come il mitico Bruno Bozzetto, protagonista della giornata inaugurale, domenica 17 maggio, alle 16 (ricordate il suo capolavoro che è “Allegro non troppo”?), o come il meno popolare, ma eccezionale Enzo D’Alò, di cui sarà proposto anche l’indimenticabile “La freccia azzurra” (domenica 24, alle 16). Un piccolo capolavoro legato a questo territorio, visto che il soggetto è dello scrittore Gianni Rodari, figlio adottivo di Gavirate, e la voce di Scarafoni è quella del varesotto Dario Fo. A completare la ricca offerta anche workshop, incontri e seminari

22 aprile 2009 - Andrea Giacometti - direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi