Varese

La siriana Al Masri porta i suoi versi d’amore a Varese

Maram Al Masri

Piccole realtà culturali crescono a Varese. Un gruppo di poeti, coordinato da Rita Clivio e Marcello Castellano, ha organizzato al Teatrino Santuccio, in collaborazione con l’associazione culturale “Il Vellone” e con il Comune di Varese, un originale “Reci-Talk”, una serata di poesia del mondo che aveva come finalità quella di sostenere la Casa della Poesia di Baronissi. Ora il gruppo propone un’altra iniziativa che prova ad allargare ancora una volta i confini della poesia e della letteratura.

Domani, domenica 18 aprile, alle ore 21, ancora presso il Santuccio a Varese, il gruppo di poeti varesini ha organizzato un incontro con Maram Al Masri, una delle principali poetesse e scrittrici siriane, che vive a Parigi e al suo attivo ha quattro raccolte poetiche. Pare che i suoi delicati versi d’amore, misteriosi e intimistici, abbiano fatto scuola tra le giovani autrici arabe. L’incontro con questa autrice è stato organizzato e autofinanziato dai poeti varesini. Non solo: sono stati loro stessi a diffondere, in teatri, biblioteche e librerie, 300 mini-locandine con il volto della poetessa.

Una serata di poesia da non perdere, insomma, guidata dal poeta e traduttore varesino, Fabio Scotto, che dialogherà con l’autrice. A leggere le traduzioni in italiano ci penseranno le poetesse del gruppo, tra le quali le liriche della Masri saranno sorteggiate, tirando per la giacca, per questa piccola cosa, il destino, una parola che tanto cara è ai seguaci delle Muse.

17 aprile 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi